Home Page | Segreteria Provinciale | Esponenti Lega Nord nelle Istituzioni | Agenda | Notizie | Links | Mappa


Titolo: «LINGUA VENETA,TESTIMONIANZA DI CULTURA» Indietro
Data: 25/03/2009
Scritto da Consigliere Regionale -Roberto Ciambetti-

Il cosidetto "dialetto" non è la lingua del passato e lo sappiamo bene noi veneti! Leggi l`articolo in lingua Veneta!

<< LENGOA VENETA, TESTIMONIANSA DE CULTURA>>

Anca inte l`era de internet, de la globalixasión, quelo che vién ciamà "dialeto" co tuti i so texori espresivi el continua a aver on sucèso forse pì grando de la lengoa leteraria tradisionale senpre conpagna e de la lengoa uficiale italiana; le lengoe "minori" le xe stà e le và vanti a èsar bone de defèndare identità stòriche e individuali, tradisión culturali, la identità de tuta la nostra xente. Sto discorso el vale pa tuti i dialeti, pa le lengoe de tuti i popoli.
Quelo che i ciama "dialeto" no la xe donca la lengoa de el pasà ma del futuro, e lo savemo ben nialtri veneti.
La Lengoa Veneta no la xe solo che na lengoa de na realtà che la existe solo inte la storia che xe pasà via, inte`l recordo o inte la memoria. El Veneto el xe la lengoa de tuti i dì e del mondo indove che vivemo.
Pa capìr e descrìvare le condizioni existensiali che le se fà senpre de pì conplicà, inte on mondo e na socetà che le gà pì forme e sensi, la lengoa de tuti i dì, el nostro Veneto, la gà da tirarse rento lengoaji difarenti, co intruxión o xonte inportanti da altre lengoe foreste, co difarenti "còdisi lengoìsteghi", co novi strumenti de difuxión: no basta mia solo che parlarla na lengoa, e gnanca scrìvarla, se gà da difóndarla. Son convinto che se gavésimo na radio veneta, na televixión veneta, che le podése difóndare la incredibile cultura che la se svilupa ‘torno la nostra lengoa, fursi in tanti i capirìa che la nostra lengoa de tuti i dì la xe na gran bela realtà, tuto fora che "anacronistica".
Na realtà che la pol far i conti co le tecnologie pì nove, co i siti web, co Internet sensa èsar de manco de altre: la idea de chi che vol tegner ligà la lengoa veneta al mondo contadìn la xe sbajà. El veneto el xe na lengoa de na modernità incredibile, el xe na lengoa che la pol parlar on mucio ben la nostra realtà conplèsa, diferensià, globalixà, co tante forme.
Ghemo da èsare cosienti de quanto che xe inportante le lengoe "minori", inte la invesion e inte el sperimentàr continui e sensa fine de on lengoajo sensa fine, inte l`esprìmare tuti i aspèti de la existensa e le varie forme de i ùltimi àni, le crixi, le frantumasión de tuti nialtri.
La Lengoa veneta la xe bona de cavar fora la ànema de le robe, la xe la lengoa che la ne dà la realtà rento de le aparense: sta lengoa veneta no la xe destinà a sparire ma a ndar vanti co la só funsión rento de el lengoajo sensa fine grasie al quale la cultura la testimonia la condisión de on omo senpre de pì frantumà, piena de problemi e de patimenti. Quelo che conta xe dar voxe a sta lengoa: uncó, come dixevo, el veneto el xe na lengoa splendida de on popolo splendido: la creasión volésta dal Presidente Finòsi e dal Consejo Rejonale, del sito dedicà a la nostra lengoa veneta la xe on pàso inportante. Ghe xe tanti siti che i parla in Veneto, che i trasméte imajini, cansón, filmà, in Veneto: ma sto qua el xe on sito istitusionale. Sta qua la xe la demostrasión che la Rejon la se mete in fianco de i sitadini veneti pa la difexa de la nostra lengoa: la xe na sielta che no la xe partitica, a sostegno de la drita o de la sanca; la xe na sielta politica perché la se revolge a la granda "polis", a chela sità veneta che la se slarga on mucio fora da i confini teritoriali tradisionali pa parlar ai veneti de l`Istria, de Dalmàsia, in Braxile cofà in Argentina, a le nostre comunità in Australia cofà in Germania o Francia.
Sto sito el xe solo che na tapa: la nostra bataja, pa far sentir la nostra voxe e pa dar voxe a la nostra cultura, a la nostra muxica, a la nostra arte e a la nostra economia, al nostro Popolo, sta bataja la continua.


«LINGUA VENETA,TESTIMONIANZA DI CULTURA»

Anche nell`era di Internet, nell`era della globalizzazione, con i suoi tesori espressivi il cosidetto "dialetto" continua a toccare più corde liriche rispetto alla fissità del lessico letterario tradizionale e della lingua ufficiale; le lingue minori sono state, e sono tuttora capaci di difendere identità storiche ed individuali, tradizioni culturali, coralità, ha contestato emarginazioni. Ciò vale per tutti i dialetti, per tutte le lingue di tutti i popoli.

Il cosidetto "dialetto" non è dunque la lingua del passato e lo sappiamo bene noi veneti. La Lingua Veneta non è la lingua di una realtà che esiste solo nella storia trascorsa, nel ricordo, nella memoria. Il Veneto è la lingua della quotidianità e del mondo in cui viviamo.   

Per esprimere le condizioni esistenziali sempre più complesse di un mondo e di una società che hanno più forme e più sensi, la lingua quotidiana, il nostro Veneto, deve inglobare linguaggi diversi, con intrusioni o arricchimenti dalle lingue straniere, con diversi codici linguistici, con nuovi strumenti di diffusione: non basta parlarla una lingua, né scriverla, bisogna diffonderla. Sono convinto che se avessimo una radio veneta, una televisione veneta, che fossero in grado di diffondere l`incredibile cultura che si sviluppa attorno alla nostra lingua, forse in molti capirebbero che la nostra lingua quotidiana è una splendida realtà, tutt`altro che anacronistica.

Una realtà che può fare i conti con le tecnologie avanzate, con i siti web, con Internet senza sudditanza alcuna: l`idea di chi vuole legare la lingua veneta al mondo rurale è sbagliata. Il veneto è una lingua di una modernità assoluta, è una lingua che può parlare benissimo della nostra realtà complessa, variegata, globalizzata, multiforme.

Dobbiamo essere consci dell`importanza che hanno le lingue minori, nell`inventare e nello sperimentare un linguaggio infinito, nell`esprimere le ambiguità dell`esistenza e i polimorfismi degli ultimi decenni, le crisi, le frantumazioni dell`essere.

La Lingua veneta è capace di cogliere l`essenza delle cose, è la lingua che ci restituisce la realtà dietro le apparenze: ebbene questa lingua veneta non è destinata a morire bensì a continuare la sua funzione all`interno del linguaggio infinito con cui la cultura testimonia la condizione umana sempre più frantumata, problematica e dolorosa. Ciò che conta è dar voce a questa lingua: oggi, come dicevo, il veneto è una splendida lingua di uno splendido popolo: la creazione voluta dal Presidente Finozzi e dal Consiglio Regionale, del sito dedicato alla nostra lingua veneta, è un passo importante. Ci sono molti siti che parlano in Veneto, trasmettono immagini, canzoni, filmati, in Veneto: ma questo è un sito istituzionale. Questa è la dimostrazione che la Regione scende al fianco dei cittadini veneti per difendere la nostra lingua: è una scelta che non è partitica, a sostegno di destra o di sinistra; è una scelta politica perché si rivolge alla vasta polis, a quella città veneta che si estende ben oltre i confini territoriali tradizionali per parlare ai veneti d`Istria, di Dalmazia, in Brasile come in Argentina, alle nostre comunità in Australia come in Germania o Francia.

Questo sito è solo una tappa: la nostra battaglia, per far sentire la nostra voce e per dar voce alla nostra cultura, alla nostra musica, alla nostra arte e alla nostra economia, al nostro Popolo, ebbene questa battaglia continua.



     




 Invia quest'articolo 
Tua e-mail e-mail amico
Lega Nord Vicenza - Segreteria Lega Nord Liga Veneta - Provincia di Vicenza - Powered by Creazioni Web